“Una forma di magia” di Pablo Picasso

         

E’ interessante il percorso artistico a ritroso di Pablo Picasso, iniziato nel 1906 quando si scoprì affascinato dalla scultura africana e polinesiana. Ce lo spiega lui stesso in “Una forma di magia – Pensieri sull’arte”, uno di quei piccoli quaderni con testi inediti e rari del Novecento editi da Viadelvento Edizioni.

I  nuovi ragionamenti sulla sua ispirazione e sulla sua vocazione artistica nascono in seguito ad una visita al Museo Trocadero. In quel museo Picasso provò sensazioni contrastanti che lo spinsero a chiarire a se stesso la sua natura artistica e la sua poetica. Fu come una rivelazione da cui scaturì una nuova spinta, gli fu possibile riconoscere a se stesso un sotterraneo spirito di rottura rispetto ai canoni fino a quel momento adoperati:

Quando ho scoperto l’arte negra, e ho dipinto quel che si dice la mia epoca negra, era per opporsi a ciò che nei musei era indicato come “bellezza””.

In questa frase credo che si celi tutta la forza emotiva di Picasso, la sua originalità , la nascita della sua capacità espressiva. La  sua è la necessità di opporsi a quello che comunemente riteniamo ‘bellezza’, non per eluderla o non riconoscerla, ma per trovarne una manifestazione diversa, scomponendo interiormente i flussi sensoriali ed emozionali di una percezione per riproporli trasfigurati in una vera opera interiore, che tiene conto di tutti gli aspetti di un vissuto privato. E l’artista può restituirceli senza necessariamente arrivare a farci comprendere la sua visione, piuttosto a farci vittime di un rapimento.  Ancora le sue parole :

 Capire! Si tratta proprio di capire!…da quando un quadro è una dimostrazione matematica? Non è destinato a spiegare (a spiegare cosa? mi chiedo) ma a far nascere delle emozioni nell’animo di chi osserva. Bisogna fare in modo che un uomo non resti indifferente davanti a un’opera d’arte, non passi gettando solo un colpo d’occhio negligente…Bisogna che sussulti, si commuova […] dovrebbe essere strappato dal suo torpore, scosso, afferrato alla gola affinchè prenda coscienza del mondo in cui vive e, perciò, senta il bisogno di distaccarsene subito”.

Mi piace molto quando Picasso afferma che non considera la pittura come un processo estetico, ma una forma di magia che si interpone fra l’universo ostile e noi, come a dire che la pittura, e l’arte in genere, non possono che derivare da una sensazione di disagio nei confronti del mondo che ci circonda, da una sottile, esistenziale sofferenza che porta, chi ne ha gli strumenti, a dare forma alle personali paure e desideri per poterli, alla fine, esorcizzare. Questo vide Picasso nelle maschere africane: non degli oggetti etnografici ma  forme di mediazione tra gli uomini che le avevano realizzate e le forze ignote, fonte di soggezione, da cui si sentivano attorniati. Un modo per dominarle, per dominare ed esplicitare la propria esistenza.

Un pensiero affascinante, che ci avvicina alla sfera dell’ispirazione artistica di Picasso e ci consente di avere uno sguardo più consapevole guardando le sue opere. Si comprende bene, a questo punto, cosa intendesse quando negava che la sua pittura soggiacesce a processi estetici ma fosse spinta da altre forze.

Come non fermarsi a riflettere sull’intera sua personalità di artista quando afferma che “Les demoiselles d’Avignon dovevano nascere quel giorno [il giorno della visita al Trocadero], ma non certo a causa delle forme: perchè era il mio primo dipinto di esorcismo”.

In questo dipinto c’è stato chi ci ha visto i primi tratti di cubismo, ed è certamente così, e chi ci ha visto gli influssi dell’arte negra, ma Picasso lo nega, lo nega nella misura in cui rivendica di aver dipinto un naso di profilo in un volto di faccia, con queste parole : ” Hai mai visto una sola scultura negra, una sola, con un naso di profilo in una maschera di faccia?”  Lui, realizzando questa tela, si è liberato da qualche pensiero od ossessione da cui si sentiva posseduto, o forse da una speciale forma di energia da cui altrimenti non poteva liberarsi.

Intuisco adesso, se pur alla lontana, l’origine del fascino che scaturisce dai suoi ritratti, l’anomalo senso di bellezza che producono, il percepire l’artista dentro alle linee della persona ritratta, vedere i suoi occhi  trasfigurati da una sensibilià altra, sconosciuta, guardarla, osservarla, scomporla e ricomporla.

L’arte e la vita si dipanano, nella vita dell’artista, influenzandosi continuamente, in un tutt’uno indistinto: “Io dipingo come altri scrivono l’autobiografia. Le mie tele,  finite o no, sono le pagine del mio diario, e in quanto tali hanno valore. Il futuro sceglierà le pagine che preferisce. Non tocca a me fare la scelta”

Si ha l’immagine di un uomo totalmente preso dalla sua vita-lavoro, indifferente all’aspetto funzionale o estetico delle sue opere se dice “Sono giunto al punto in cui il movimento del pensiero mi interessa più del pensiero medesimo”.

Da questa ultima affermazione si intuisce quanto la pittura possa considerarsi (come le altre arti) alla stregua della filosofia o della poesia che ci portano, quando vogliamo soffermare il nostro sguardo e la nostra mente, a fare ogni volta un passo avanti verso un pensiero più ricco e complesso. Si tratta di praticarle e viverle nelle forme in cui a ciascuno è concesso.

Dafne

Annunci

5 comments

  1. È proprio ver, ciascuno, senza regole e remore, dovrebbe vivere l’arte per come gli è stata concessa. È innegabile che l’indole umana da subito è nata con la propensione verso il bello e le sue forme espressive più varie ed ampie. È vero (lo credo fortemente!) che ciascuno è in grado di fare arte, non necessariamente un capolavoro da esporre o una statua da disporre in bella mostra. Ciascuno dovrebbe sforzarsi di riconoscere la bellezza e avvertirne la sensazione, proprio come nel 1906 fece Picasso.
    Non lo credo neppure io che il cubismo si debba riconoscere nelle Damoiselles, sicuramente quel dipinto ha scatenato una rivoluzione avanzata nel corso dell’arte già avviata da Cezanne qualche decennio prima. Quello che è certo e che la visione di un mondo “altro”, quello dell’arte negra, ha innescato, prima nell’uomo e poi nell’artista (che si è mostrato così in tutta la sua illuminante genialità), una fase di “libertà” e distacco dai canoni che lo avevano tenuto ancorato ad una “ridotta” libertà creativa, incapace ancora di esprimere tutta quella “magia” che solo senza vincoli è stato in grado di esprimere. E bello o brutta che sia, dal 1906, la sua non ha avuto più freni.

    Mi piace

    1. Grazie lois del tuo commento. Mi fa piacere capire che quanto ho scritto sia stato pienamente compreso, soprattutto per quanto riguarda il concetto di arte vissuto da ciascuno di noi. Un concetto che mi piacerebbe sviluppare, come quello della libertà creativa, cioè della capacità degli artisti di agire scrollandosi di dosso presunzioni e pregiudizi visivi e mentali. A presto.

      Mi piace

      1. Grazie a te per lo spunto. Quale migliore spazio allora per approfondire il concetto di arte/vita che è insito in ciascuno di noi?
        attendo tue nuove riflessioni
        buona giornata

        Mi piace

  2. Questa è stupenda. Non ho mai sentito questa citazione:

    “Quando ho scoperto l’arte negra, e ho dipinto quel che si dice la mia epoca negra, era per opporsi a ciò che nei musei era indicato come “bellezza”

    affascinante…come fai notare, “una forma di magia che si interpone fra l’universo ostile e noi.”

    buona notte..ciao

    Mi piace

Lascia un tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...